Alba è un comune di 31.500 abitanti in provincia di Cuneo. La sua particolarità sta, non tanto nella sua storia o nei suoi monumenti, bensì, in un bene immateriale: la sua cucina.
In particolar modo, il tartufo bianco, prodotto in questa cittadina, è uno dei più pregiati al mondo.
Vediamo di scoprire qualcosa di più di questo fungo e della cittadina che lo “venera” con manifestazioni e iniziative.

Cibo dal prezzo record

Il tartufo bianco d’Alba (nome scientifico Tuber magnatum Pico) è uno dei cibi più cari al mondo. Un tartufo bianco da circa un chilogrammo e mezzo di peso è stato venduto ad un investitore di Hong Kong per poco più di 160.000 dollari (117.000 euro).
Sul sito tartufo&co, 100 grammi di tartufo bianco vengono venduti a 380 euro.

Peculiarità

Il suo alto costo deriva da un fatto “naturale”: il tartufo, di fatto, non si può coltivare. Occorre semplicemente trovarlo e coglierlo e questo non è facile. Si può trovare soltanto in terreni argillosi, umidi, soffici, situati in zone nelle cui vicinanze scorrono corsi d’acqua e in cui c’è una buona circolazione d’aria.
Inoltre, è un frutto simbionte: questo significa che cresce solo insieme ad altri organismi. In questo caso si trova solo vicino a faggi, querce, pioppi e tigli. Infine è molto delicato: va trattato con cura, portato via con l’ovatta e tenuto costantemente sotto controllo.
Il suo periodo di raccolta è tra settembre e dicembre.

Fiera internazionale del tartufo

Anche conosciuta come “Mercato Mondiale del Tartufo“, quest’anno la manifestazione arriverà all’edizione numero 87. Si tiene tra ottobre e novembre ad Alba e rappresenta la  più grande esposizione mondiale di tartufi provenienti dalle colline piemontesi di Langhe, Roero e Monferrato. Ogni tartufo, prima di essere messo in vendita, dai tartufai presenti, viene valutato da una Commissione Qualità che resta a disposizione dei clienti per tutta la durata della Fiera con la funzione di “Sportello del Consumatore”.
Lo scopo è quello di informare i visitatori sui loro diritti d’acquisto e di dare suggerimenti sulle modalità di consumazione del prodotto.

LEGGI ANGHE  Bordeaux: la Città del vino, luogo avveniristico dell'enologia

Alba Truffle Show

Manifestazione presente all’interno della Fiera Internazionale è una “raccolta” di eventi gourmet. Qui si rende omaggio agli Chef del territorio di Langhe e Roero. Gli incontri sono in programma ogni sabato e domenica di Fiera presso il centralissimo Cortile della Maddalena, sede del Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba.
Qui è possibile incontrare Chef internazionali, assaggiare i loro capolavori ed anche acquistare libri temativi.

Centro Nazionale Studi Tartufo

E’ un’associazione che riunisce le principali realtà amministrative delle province di Alessandria, Asti e Cuneo. Ha il compito di definire politiche di ricerca, promozione e divulgazione del tartufo. Per fare questo ha stretto una collaborazione con le più prestigiose realtà nazionali di ricerca. Dal 2000 lavora alla ricerca nel settore dell’Analisi sensoriale, per definire i profili sensoriali del tartufo e formare giudici qualificati.
E’, inoltre, impegnato nella tutela dell’ambiente in cui cresce il prezioso fungo.

Escursioni a caccia di tartufi

Da settembre a gennaio, ad Alba, è possibile vivere una grande esperienza. Accompagnati da un cercatore e dal suo cane, ci si potrà addentrare nel bosco circostante la cittadina alla ricerca del prezioso fungo. Un’esperienza che metterà a contatto il turista con una realtà magica e che gli permetterà di comprendere più da vicino come avviene la “caccia al tartufo”.