Il mondo, si sa, è ormai globalizzato. La libera circolazione dei cittadini appartenenti alla UE, ma anche in flussi migratori provenienti dai paesi extra UE, hanno creato un melting pot di etnie. L’Italia non sfugge a questa situazione.
Il sito comuninverso.it motore di ricerca dei comuni italiani, ha pubblicato la classifica dei 100 comuni con più stranieri, basandosi sui dati Istat. Al primo posto vi è Roma con 365.161 immigrati.
Noi, però, abbiamo fatto un “giochino” diverso. Abbiamo cioè messo in fila i comuni in base alla percentuale di stranieri presenti sul territorio, rispetto alla popolazione.
Da questo punto di vista, ci sono alcuni risultati sorprendenti. Scopriamoli insieme.

Pioltello

Pioltello è un paese in provincia di Milano con un’area di 13,1 km². Stando alla nostra ricerca è qui che si concentra la più alta percentuale di stranieri. Ben 24.65%. Su un comune di 36.912 persone, 9.098 sono immigrati.  Pioltello è una città relativamente giovane (ha acquisito questo rango solo nel 1999), ma con una storia antica, rappresentata in parte sul suo stemma.
I non autoctoni presenti sono perlopiù provenienti dal Sudamerica (soprattutto Ecuador e Perù), ma, molti provengono anche da Africa (Bangladesh, Egitto e Marocco). Presenti anche asiatici, in particolar modo pakistani e bengalesi.

Monfalcone

Monfalcone, in provincia di Gorizia, si piazza al secondo posto in questa speciale graduatoria. La percentuale di stranieri, qui, è del 20.44%. Gli immigrati sono 5.776 su una popolazione di 28.258. Qui la statistica è spiegabile dalla posizione della città, situata al confine con la Slovenia. La maggior parte degli stranieri sono di origini balcanica (sloveni, serbi, macedoni, croati e albanesi), ma vi sono anche minoranze africane (somali e bengalesi) e asiatiche (cinesi). Lo sloveno è una delle lingue parlate in città.

LEGGI ANGHE  Le cinque città italiane con il più alto numero di inattivi

Campi Bisenzio

Campi Bisenzio, in provincia di Firenze, si colloca al terzo posto in questa graduatoria. Gli stranieri sono 8.819 su una popolazione di 46.166 per una percentuale del 19.10%. Secondo l’ultimo censimento, la maggior parte di questi immigrati sono cinesi (9.79%), mentre, le altre minoranze dominanti sarebbero formate da albanesi (2.31%) e rumeni (2.05%).

Milano

Milano è al quarto posto della nostra classifica con il 18.91%. Per la precisione sono 254.522 su 1.345.851 abitanti. Per quel che riguarda la divisione etnica, la maggior parte provengono da Filippine, Egitto. e Cina. Nel caso della comunità cinese, si è formato un vero e proprio insediamento nell’area fra le vie Canonica (a ridosso dei bastioni di porta Volta) e Paolo Sarpi, interna a corso Sempione, colloquialmente nota come Chinatown.

Ladispoli e Fonte Nuova

Entrambi comuni di Roma si dividono il quinto posto in classifica con il 18.63%. A Ladispoli sono 7.652 su 41.078. A Fonte Nuova 6.066 su 32.562. Nella prima, vi è un’alta percentuale di rumeni e polacchi.
Anche nel comune dove scorre il Pratolungo, i rumeni sono in maggioranza. Esistono, però, anche comunità di albanesi, macedoni e peruviani.